“Se una mattina d’Estate ‘Lui & Lei’…”

<<Sarà estate prima o poi.giphy10
Donne con parasoli
uomini a passeggio canne d’India
e bambine con bambole
coloreranno il paesaggio pallido
come un luminoso mazzo di fiori
per quanto sommerso di pario
il paese di stenda oggi
I lillà piegati da molti anni
dondoleranno carichi di violetto
le api non disprezzeranno il motivo
che i loro avi cantarono
La rosa selvatica arrosserà lo stagno
l’aster sulla collina
detterà la sua moda perenne
e le genziane pasquali crinoline
finché l’estate ripiegherà il suo miracolo
come una donna la gonna
o i sacerdoti ripongono i simboli
quando il sacramento è finito.>>
– Emily Dickinson –

 

 

Pare, da accurate ricerche di mercato, che in Estate i lettori si
triplichino rispetto a tutte le altre stagioni. Aumenta la quantità, ma la qualità???
Capisco che dopo mesi di alzatacce, ore piccole e stress le persone vogliano concedersi una lettura leggera, vorrei però sottolineare che c’è una bella differenza fra romanzi leggeri – dotati di un bell’intreccio, personaggi accattivanti, ma scritti con uno stile narrativo semplice, lineare, che aiuta il lettore ad entrare più facilmente possibile nella storia, – e libri frivoli, scritti coi piedi con storie banali, personaggi-caricatura e finale scontato e insoddisfacente.
finger-passes-along-book-spines-library-animated-gifE’ Estate, ecco perciò spuntare una serie di romanzi sepolti per molti mesi che improvvisamente diventano “assolutamente imperdibili”, ma noi non dobbiamo cadere nella trappola degli editori che ci propinano tutto ciò che hanno scartato in Inverno! Perciò, per quanto sia giusto il detto “mai giudicare un libro dalla copertina”, un’occhiata dategliela, se vedete rossetti, tacchi, smalti o capelli in grafica, probabilmente il libro non è proprio un capolavoro. La prova del nove però, rimane leggere la quarta di copertina, e l’incipit. Se un romanzo ci conquista dalle prime righe raramente poi ci deluderà; al contrario se alla fine della prima pagina non ci fa venire voglia di andare avanti, meglio chiuderlo e cercarne un altro.

 

gaston7Attenzione però: anche il più bello dei libri, letto nel momento sbagliato diventa un mattone; quindi non cestiniamolo del tutto, diamo a quel romanzo una seconda occasione in un altro momento.

 

L’incipit non mente mai!
Il titolo sì, quello al 99% inganna, specialmente quando viene tradotto da una lingua straniera: ed è il caso del capolavoro di Gillian FlynnGone girl” parafrasato in italiano “L’amore bugiardo”.
Quello che dal titolo sembra erroneamente un romanzetto rosa altri non è che uno dei thriller psicologici più interessanti che abbia letto negli ultimi anni.

 

«Siamo riusciti solo ad odiarci e a dominarci a vicenda, facendoci molto male!»
«Si chiama matrimonio.»[1]

tumblr_nghh1wdvfn1ri5qp0o1_500

 

E’ una calda mattina di Giugno, tutto sembra andare come è sempre andato.

3_gone girl
Tralie Graphic

Nick Dunne si dirige al Bar di cui è proprietario e si appresta ad iniziare una noiosa giornata estiva come tante altre. Ma non è una mattina come tante: è il quinto anniversario di matrimonio con Amy. Non ha voglia di festeggiare un’unione già arrivata al capolinea, ma è pronto a far buon viso a cattivo gioco quando arriva una strana telefonata da parte di un vicino: la porta di casa è spalancata e il gatto miagola senza sosta.
Nick va a controllare. Trova il salotto in disordine, strisce di sangue e nessuna traccia della sua bella moglie Amy.
E da quel momento cambia tutto!

 

Forse ne avrete sentito parlare per via del film (eh già sembra che ultimamente non sappiano scrivere sceneggiature se non copiandole dai romanzi!) diretto da David Fincher nel 2014 e interpretato da Ben Afflek e Rosamund Pike, ma ancora una volta da bookaholic convinta vi raccomando di non scegliere la via più facile, ma di immergere i piedi nell’acqua salata del mare, piantare un ombrellone a riva e godervi questa avventura!
Non solo perché come sempre al cinema devono tagliuzzare e stringere e si perde metà della storia originale, ma anche e soprattutto perché in questo caso specifico il libro scorre molto più velocemente del film che usa un registro decisamente troppo introspettivo e più volte sembra soffermarsi sui dettagli per lunghi minuti, facendo vacillare l’attenzione dello spettatore.
Il romanzo invece al contrario cattura totalmente, non vi daranno fastidio nemmeno i soliti due innamorati che giocano a racchettoni – cioè uno dei due gioca e l’altro manda la pallina ovunque schizzando i bagnanti o insabbiando i vicini d’ombrellone- o gli adolescenti rumorosi, specialmente se accompagnerete la lettura con un bel bicchiere ghiacciato di Blenhem (1 misura di vodka; 3/4 misura di Tia Maria; 3/4 misura di succo d’arancia) o di semplice succo d’arancia per gli astemi, e i Muse

nelle orecchie.

 

“Gone Girl” è  un romanzo che prende i protagonisti e li smaschera capitolo per capitolo fino a presentare i veri Nick e Amy, non quelli che vogliono far vedere agli altri, quelli che loro stessi raccontano a noi lettori, bensì la versione peggiore: quella che nascondono e che, forse, occultiamo tutti.
Nonostante le pagine affidate a due narratori raffinatamente inattendibili, riusciamo a scoprire giochi e sotterfugi, in una ragnatela di bugie e ripicche studiata per farci protendere talvolta per Nick, più spesso per Amy. Ricordandoci sempre, però, che ognuno dei due sta mentendo.

tumblr_o4qb7lvo0t1s5unvzo7_r1_400

Qual è la verità?
Nick è davvero innocente come si professa?
Amy è davvero una vittima o piuttosto una straordinaria carnefice?
Esiste una verità?

tumblr_nevzbdpuny1qk0dj4o1_500

 

L’impalcatura con cui l’autrice ha eretto la trama non traballa neanche per un secondo, il risentimento è il mastice di questi incastri perfetti, quelli che sembrano storielle grottesche o particolari irrisori si svelano essere tutti pezzi di un intricato e sensazionale puzzle, tutti dettagli utili per la soluzione del mistero.

16389947.

 

 

Buona lettura!

tangled-rapunzel20singing-reading-books-animated-gif

 


[1] Dal libro.

6 thoughts on ““Se una mattina d’Estate ‘Lui & Lei’…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...