“The Closer: Dolci & Delitti”

*Goduria al Cioccolato
(la ricetta è una variazione del Cake au chocolat praliné di Pierre Hermè)

 

Ingredienti (per la Praliné noisette)
– 60 g di pralinato alla nocciola
– 60 g di pasta nocciola
– 30 g di cioccolato al latte al 45%
– 60 g di crepes dentelles sbriciolate
– 10 g di burro25 g di granella di nocciole

(Per lo Sciroppo )
200 g di zucchero semolato
– 180 g di acqua
– 1/2 bacca di vaniglia

(per la Torta)
– 250 g di burro
– 65 g di burro liquido chiarificato ( oppure solo chiarificato)
– 315 g di zucchero semolato
– 250 g di farina debole
– 60 g di cacao amaro in polvere
– 320 g di uova intere
– 7 g di lievito chimico

(per la Glassa)
100 g di pate à glacer (Valrhona)

40 g di cioccolato fondente al 72%
10 g di olio di semi di vinaccioli
20 g di granella di nocciole

 

Procedimento

Facciamo fondere i 30 g di cioccolato al latte al 45% al micro-onde. Aggiungiamo il burro e lo lasciamo sciogliere. Mescoliamo il pralinato, la pasta di nocciole, il cioccolato e infine la granella di nocciole, ultimando con le crepes dentelles. Stendiamo il praliné noisette su un foglio di carta da forno all’altezza di 1.5 cm e lo conserviamo in frigo per due-tre ore. Quindi, tagliamo dei cubi di circa 1.5 cm di lato da conservare in freezer fino al momento dell’uso.

Nel frattempo che il praliné è in frigo, sciogliamo lo zucchero nell’acqua. Aggiungiamo la polpa della bacca di vaniglia e portiamo al bollore. Spegniamo subito il fuoco del fornello per lasciar intiepidire lo sciroppo.

Passiamo ora alla preparazione della torta: setacciamo la farina con il caca9_thecloserITAo ed il lievito per 2 volte. Versiamo nel mixer il burro morbido, quello chiarificato, lo zucchero e le uova. Facciamo emulsionare a media velocità per circa 10 minuti fino ad ottenere un impasto setoso e fluido. Aggiungiamo poi a mano con una spatola le polveri setacciate . Imburriamo e infariniamo uno stampo da plumcake nel quale versiamo l’impasto fino ad 1/3 della sua altezza. Distribuiamo dei cubi di praliné noisette. Ricopriamo con altro impasto e ancora con dei cubi di praliné. Ultimiamo con l’ultimo strato di impasto e Inforniamo a 160°C per circa 60 minuti ruotando lo stampo a metà cottura. Ne verificheremo lo stato con la prova dello stecco di legno.

A cottura ultimata, con un pennello veleremo tutta la superficie della torta con lo sciroppo.

Infine, fondiamo la pate à glacer e il cioccolato fondente al micro-onde a 45°C. Aggiungiamo l’olio e la granella. Quando raggiunge circa 40°C, versiamo la glassa sulla torta e la lasciamo raffreddare.

 

La Primavera è, tra le altre cose, la stagione della Pasqua, e se per i credenti questo ha un significato molto profondo, per il resto del mondo vuol dire solo una cosa: cioccolato!!!

….e per me cioccolato vuol dire The Closer!

Perciò, appena la nostra torta è raffreddata, prendiamo un bel bicchiere di latte tiepido, sistemiamo i cuscini, ci accomodiamo sul divano e lasciamo partire questa deliziosa serie tv crime assaporando lentamente la nostra Goduria al Cioccolato*. tumblr_m8qed82jnl1qfrx8lo2_500

 Ambientata in un’assolata Los Angeles, la serie tv creata da James Duff [1] vanta 7 stagioni di successo, uno spin-off altrettanto riuscito – Major Crimes, a cui dedicherò sicuramente un’altra rubrica – un Emmy, un Golden Globe e un People’s Choice Awards.

Ma non è per lo sfavillante favore della critica televisiva che lo consiglio, bensì per la magistrale interpretazione della fantastica Kyra Sedwich (“Nato il 4 Luglio”, “Qualcosa… di cui sparlare” – nonché moglie di Kevin Bacon), nel ruolo della brillante investigatrice Brenda Leigh Jones, una donna all’apparenza angelica dall’abbigliamento a dir poco discutibile e una passione per il cioccolato da far impallidire Willy Wonka, che viene temuta perfino dai più potenti per il suo incredibile fiuto e per come gestisce le indagini: pronta a tutto pur di chiudere un caso (da qui il titolo della serie)[2] e assicurare i colpevoli alla giustizia!

Questa serie ha il pregio di aver cambiato, seppur minimamente, l’immagine popolare di donne al potere:

 

 <<Le donne delle serie tv fin’ora erano in gran parte una controfigura, una spalla, in un mare di maschi dominanti, e difetto più importante, si sforzavano di essere come gli uomini che le circondavano; al contrario, l’ex agente della CIA interpretato da Kyra Sedgwick conserva (e si crogiola nella) la sua femminilità, mantiene la sua compostezza, è in grado di gestire i due uomini che vogliono la sua posizione e le gelosie e insicurezze del partner e del suo ex, senza perdere la testa né il suo essere donna. >>[3]

 

 

Inoltre, lo show si occupa di questioni complesse e capillari: l’etica, l’integrità personale, la sottile linea fra bene e male. Il cast ben bilanciato fra personaggi comici, come il tenente Provenza (interpretato dall’amato GW Bailey– “Scuola di Polizia”) e quelli più strettamente drammatici, come il detective Sanchez (Raymond Cruz – “My name is Earl”) esplora la condizione umana, toccando temi come le influenze religiose personali e delle comunità nella società contemporanea, la disfunzione dei sistemi familiari, le responsabilità del governo nel sistema giudiziario, però lasciando sempre che un’aria di gaia freschezza riempia gli episodi.

tumblr_lp0ofbtxzk1r0re1to1_500

Non mancano sketch spassosi, scenette degne delle sit-com, dialoghi che strappano una sincera risata. Un crime a tinte comiche, insomma, che di questi tempi ci vuole proprio!

Ma attenzione, se state guardando la serie tv ma chocolate-collagesiete stati troppo pigri per prepararvi la Goduria al Cioccolato, e non vi siete almeno premuniti di praline, bon-bon o cioccolatini, sono guai!
Perché la nostra cara Brenda ne mangia una quantità da far arrossire i diabetologi, e lo fa con una brama, un’ingordigia, che diventa impossibile resistere!

 

 

Spettatore avvisato…..

chocolate-makes-everything-better_1464

 

 


[1] https://en.wikipedia.org/wiki/James_Duff_(writer) in collaborazione con Michael M. Robin e Greer Shephard.
[2] Il termine “the closer” in inglese è spesso usato per lavori manuali (es. meccanico) o per indicare un killer a pagamento.
Nella serie sottolinea la capacità del vice capo Johnson di andare a fondo nelle indagini, soprattutto durante gli interrogatori, senza  mai arrendersi fino alla soluzione del caso.
[3] Il Christian Science Monitor. Estratto 27 Maggio 2015. //La traduzione è mia.

One thought on ““The Closer: Dolci & Delitti”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...