“E nevica ancora da togliere il fiato”

la-neve-se-ne-frega
Tralie Graphic

<Adesso è tardi. Tardi per venire via. Tardi per raccontarmi altre balle. Tardi per le domande e per le risposte.>[1]

L’Inverno è una stagione strana, dura esattamente come tutte le altre ma sembra più lungo, sarà per il freddo, perché si accumulano tanti impegni, perché le giornate sono corte e si rischia di uscire di casa col buio e rientrare col buio.

Il cielo è cupo, grigio-blu, le strade sono trafficate, i parchi vuoti se non per qualche persona più sfortunata che non ha altro posto in cui andare[2].
C’è un momento però in cui tutto sparisce, tutto sembra attutito e bellissimo, quasi magico: quando nevica.

A Roma non capita spesso, e quelle rare occasioni in cui è caduta purtroppo è stato un gran guaio perché la città si è paralizzata.
Ma quando capita è uno spettacolo straordinario, un esempio di quanto la natura sia sorprendente.

In tumblr_n8opg8pmkr1t19jpho1_500meteorologia la neve è una configurazione di precipitazione atmosferica nella forma di acqua ghiacciata cristallina, formata da una moltitudine di minuscoli cristalli di ghiaccio, tutti aventi di base una simmetria esagonale e spesso anche una geometria frattale, ma ognuno di tipo diverso e spesso aggregati tra loro in maniera casuale a formare fiocchi di neve[3].

Cristalli di ghiaccio. Ecco cos’è la neve. Eppure ha la capacità di addolcire tutto ciò che circonda, di riscaldare i cuori, di dare un senso di pace.

 

tumblr_nf62lre7ys1s6uscuo1_400

<<[..]copre antenne e furgoni
gli ospedali e gli incroci 
desideri e intenzioni 
e fanali che fanno già meno luce 
io ti guardo negli occhi 
hai le ciglia bagnate 
e prometti di tutto 
e nevica ancora da togliere il fiato>>[4]

 

Ligabue[5] deve amare la neve quanto me, visto che le ha dedicato un libro, una canzone e una graphic novel, tutte sotto il titolo “La neve se ne frega”.

Il romanzo è emozionante, poetico, nonostante sia scritto come un racconto diretto, quasi colloquiale.

<Grazie per la neve che sta scendendo. Mi è sempre piaciuta, ma adesso mi sembra proprio puntuale. Tempestiva. Porta pulizia. Porta bianco. Costringe all’attenzione. Ai tempi lunghi. Lima rumori e colori. Lima le bave dei sensi. Ce n’è bisogno. Ancora per un po’.> [6]

Ci troviamo in un futuro immaginario nel quale il senso della vita è capovolto: si nasce artificialmente vecchi e si muore neonati. Tutta la vita è programmata dal Piano Vidor, che decide cosa si deve mangiare, quali sono gli svaghi, assegna i lavori e gli accoppiamenti. Nonostante siano stati messi insieme da delle macchine, l’amore dei protagonisti è reale, l’affiatamento tra loro è davvero intenso e viene sconvolto solo da “uno squilibrio ormonale” di lei che….  Eh no, dovete leggervelo se volete saperlo!

<Ridiamo come le montagne non appena gli voltiamo le spalle, ogni volta che sono sicure che nessuno le veda. Come il mare che si ostinano a chiamare furioso mentre le tempeste non sono che i suoi sghignazzi. Come le nuvole che se piangono pioggia è solo per il gran ridere. Come il vento che non fa che sganasciarsi e soffia soltanto perché deve riposare il respiro. Ridiamo come il cielo che deve avere tutti i motivi per ridere di noi ma anche con noi. Ridiamo come non potranno mai fare gli animali che non sanno cosa si perdono. Ridiamo come solo i più fortunati riescono a fare. Ridiamo di cuore.>[7]

Inutile dire che consiglio di leggerlo con la musica di Ligabue come sottofondo, in una piazza o un parco, mentre la neve cade addosso.

Ma non volendo gelare né tornare a casa con un’influenza, andrà bene anche un pub, un locale in cui prendere una bevanda calda come il vin brulé[8] e leggere accanto alla finestra, mentre reale o immaginaria, la neve ci avvolge.

tumblr_n01nqjs89z1qb3quho1_500


[1] Dal romanzo.
[2] A questo proposito vorrei segnalare due associazioni che si occupano dei senza tetto e dei meno agiati: http://www.santegidio.org/pageID/6/langID/it/amicizia-con-i-poveri.html e http://www.caritasitaliana.it/ . Ce ne sono moltissime altre, se si vuole dare una mano! E vi assicuro che vedere un sorriso in chi ha sofferto tanto fa del bene prima di tutto a noi.
[3] Fonte: wikipedia.
[4] Dal testo della canzone “La neve se ne frega”_ Ligabue.
[5] Dal romanzo.
[6] http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=89&biografia=Luciano+Ligabue .
[7] Dal romanzo.
[8] Il vin brulé è un vino caldo a base di vino rosso, spezie e zucchero. La spezia più utilizzata per la preparazione del vin brulé è rappresentata dai chiodi di garofano, ma spesso vengono aggiunte anche noce moscata e cannella.

3 thoughts on ““E nevica ancora da togliere il fiato”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...