“Fuga dal Natale, con Biscotti e Margarita”

Quando guardo le serie tv ambientate in posti caldi come Australia o California e spunta la puntata di Natale, mi viene una grande invidia.
Io il freddo non lo sopporto, e per quanto mi possa piacere la neve, la cioccolata calda e la copertina davanti al camino, scambierei tutto questo immediatamente e senza rimorso per una spiaggia di sabbia fina, un margarita
[1], un buon libro e l’acqua salata dell’oceano sulla pelle abbronzata.
Finora però, il sogno di andare a festeggiare Natale al mare è solo un sogno, un desiderio forse irrealizzabile, vuoi per le tradizioni di famiglia, vuoi per il budget sempre così limitato di noi precari…
Ad ogni modo quando fra gli scaffali della libreria in Centro ho lettoFuga dal Natale” fra i titoli, mi sono avvicinata attratta come una falena dalla luce. Quando poi ho visto che l’autore era John Grisham[2] ma che questo romanzo con la copertina rossa e verde (non a caso!) NON era un legal thriller la mia curiosità è salita ai massimi livelli.
Voglio dire, Grisham non è “un autore” di legal, è L’AUTORE di legal!!!
Penso in casa dei miei ci siano almeno tre scaffali pieni dei suoi romanzi, alcuni dei quali dei veri capolavori.
È vero che quando uno scrittore è bravo può scrivere di qualsiasi cosa. Ma sono sempre un po’ scettica quando gli autori che si sono creati una loro nicchia nel panorama letterario dedicandosi sempre allo stesso genere decidonodi cimentarsi in qualcos’altro. 
Sarà all’altezza?
Si sarà montato la testa?
Si è voluto togliere uno sfizio?

L’ho preso senza troppe aspettative, ma la trama mi piaceva, rispecchiava assolutamente il mio desiderio di fuga da tutte le manfrine delle feste comandate e dal freddo, l’autore comunque lo conoscevo e mi era sempre piaciuto… perché non tentare.
Ho fatto benissimo!
Fuga dal Natale ” è uno di quei romanzi che leggi ridendo e con assoluta spensieratezza, ma che allo stesso tempo ti delizia con la sua aspra critica, tutt’altro che velata, verso l’ipocrisia e l’intransigenza a oltranza della classe borghese e tendenzialmente conformista.

Una serie di equivoci e gag che ti trasportano nelle contraddizioni quotidiane di tutti noi; per quanto il cuore sia con Nora e Luther e il loro desiderio di fuga, di cambiamento e di libertà, (più convinto lui di lei a dir la verità), non si può fare a meno di rivedersi un po’ nei vicini impiccioni ma buoni e generosi che vogliono trattenerli, che fanno loro dispetti, ma che poi nel momento del bisogno ci sono.
Mi ha ricordato molto la mia meravigliosa, numerosa all’inverosimile, famiglia! Per quanto si possa bisticciare, lamentare, sognare una fuga dal Cenone, alla fine si può sempre contare su di loro, con la certezza che una risata sarà sempre assicurata.

 

<<Alzò gli occhi al suo comignolo da dove lo guardava il Frosty dei Brixley. Faccione sorridente, cappello a cilindro, pipa di tutulo. Tra le evoluzioni dei fiocchi di neve, Luther ebbe l’impressione che il pupazzo gli facesse l’occhiolino.>>[3]

Dal libro hanno tratto anche un film altrettanto divertente e ben riuscito (stranamente), e consiglio di leggere il libro e poi vedere il film verso metà Novembre quando iniziano a propinarci le pubblicità a tema, le strade cominciano a trasformarsi e il desiderio di fuga si fa quasi insopprimibile.
Perché alla fine di tutto, questo libro è anche un omaggio al tanto bistrattato Natale, al vero spirito della festa e al bisogno di avere qualche certezza nella vita, fosse anche l’insopportabile tradizione delle sedici portate….

31_ fuga-dal-nataleBiscotti di Natale
(la ricetta è del mio amico inglese, John)

INGREDIENTI
Dose per 500 g di biscotti
-250g. farina 00

-125g. burro
-100g. zucchero a velo
-2 uova (solo il tuorlo gli albumi tenerli da parte per la glassa)
-estratto di vaniglia la punta di un cucchiaino

Per decorare
– formine natalizie (alberi, stelle, cuori, babbi natale)

-1 albume
-120g. zucchero a velo
-100g. cioccolato fondente di buona qualità

Procedimento

Tagliamo a cubetti il burro e lo inseriamo ancora freddo di frigo nel frullatore insieme alla farina e un pizzico di sale in modo da creare un prodotto sabbioso. Disponiamo su un ripiano con la tipica forma a fontana e aggiungiamo lo zucchero, la vaniglia e i due tuorli. Impastiamo il tutto molto rapidamente in modo che non si riscaldi troppo, producendo un impasto conforme. Arrotoliamo poi il composto in una pellicola trasparente e lasciamo riposare per almeno ½ ora.
Passato il tempo, mettiamo fuori l’impasto dal frigo e con un mattarello stendiamo la sfoglia con uno spessore di circa ½ cm; utilizzando formine natalizie create i biscotti.
Disponiamoli su una tortiera ricoperta di carta da forno e inforniamo a 180° per 10min. circa, controllando che non si scuriscano troppo. Una volta tolti dal forno lasciamo raffreddare mentre allestiamo la glassa. 
Montiamo a neve un albume, da quelli messi da parte, quando sarà semi-montata aggiungiamo lo zucchero a velo a amalgamiamo bene in modo che risulti denso e cremoso.
Aiutandoci con una sac-à-poche decoriamo tutti i biscotti.

Una volta raffreddati, si possono mettere in dei graziosi sacchetti regalo (oppure mangiarseli leggendo il libro!).


[1]La ricetta del Margarita.
[2] Personalmente consiglio di questo autore: Il Partner, L’uomo della Pioggia, Il Socio, Il Rapporto Pelican, Il Cliente.
[3] Dal romanzo.

One thought on ““Fuga dal Natale, con Biscotti e Margarita”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...