“Tu chiamale se vuoi, Emozioni”

«Chi ha iniziato a morire non smette mai di farlo»[1]

Risultati immagini per give a gift gif Quando si regala un libro bisogna stare molto attenti. Si entra nel profondo della persona a cui vogliamo regalarlo, si va a dirle “io ti conosco, so che ti piacerà perché…”, e allo stesso tempo sveliamo un po’ di noi. Dalla scelta, dalla dedica, dal confezionamento. È un lungo scambio di emozioni silenziose.

So che molti regalano libri per sentito dire, o di moda, o che ricordandosi della figlia della cugina del vicino di casa all’ultimo secondo entrano in libreria e prendono quello con la copertina più accattivante, il prezzo migliore o entrambe le cose.

Ma chi regala un libro intenzionalmente, sta costruendo un ponte, un patto di fiducia. Perciò tendo a regalare solo romanzi che ho letto e che davvero mi hanno fatto pensare a quella persona alla quale decido di donarlo. A meno che non sia una richiesta diretta, ovvio.

Quando ho letto Emmaus di Alessandro Baricco, ho pensato alla mia amica A. Tanto, tantissimo. Eppure ci ho messo tre anni a decidermi a comprarle una copia. Perché le emozioni che vengono descritte in questo libro di 136 pagine sono immense e indescrivibili per chi quel dolore, quella sopraffazione, quello stupore, li ha vissuti sul serio.

Immagine correlata

Io e A. abbiamo vissuto esperienze molto molto brutte, seppure diversissime. E spesso l’ho ammirata per la sua forza ad affrontare il dolore.

«Siamo pieni di parole di cui non ci hanno insegnato il vero significato, e una è la parola dolore. Un’altra è la parola morte. »[2]

 

Però un conto è pensarlo, un conto è dirglielo attraverso un libro. Il modo di scrivere di Baricco è doloroso, scritto benissimo, con frasi che colpiscono al cuore, che riconosciamo e in cui ci riconosciamo, potrebbero essere nostre. Anzi. Lo sono. I personaggi si specchiano facilmente nei volti dei nostri conoscenti. E ci poniamo le stesse domande dei protagonisti, e dei fedeli del Vangelo da cui è preso il titolo:

Com’è possibile che non riconosciamo e comprendiamo davvero le persone che abbiamo intorno? Mangiano con noi, vivono con noi, eppure non li riconosciamo.

libro2«Io e lei abbiamo un gioco segreto – ci scriviamo di nascosto da noi stessi. Parallelamente a quello che diciamo e viviamo insieme, ci scriviamo, come se fossimo noi due, ma una seconda volta. Di quel che scriviamo in quelle lettere – bigliettini – non parliamo mai. È lì che ci diciamo, tuttavia, le cose vere. »[3]

 

 

Questo romanzo è per chi ha nell’anima un vuoto incolmabile che con il tempo, le esperienze, l’affetto, la grande forza d’animo, sta riempiendo. Un po’. Mai del tutto.
È per chi non si spaventa di fronte alle emozioni forti, alla scrittura diretta e allo stesso tempo poetica di Baricco.
È per i peccatori, per gli arrabbiati, per i tristi. Per chi ha voglia di riscatto. Di riprendersi qualcosa che la vita gli ha tolto troppo presto.
È per chi vuole tornare a vedere la luce. Quella brillante. Per chi vuole sentire il calore del sole sulla pelle, e pensare che a volte, basta anche questo per stare meglio.

 

 

 

«L’aria in faccia, il freddo nelle mani, le sue dimenticanze, le mie certezze, il corpo di Andre – eravamo nello stesso amore. Così siamo morti insieme – e fino a quando non morirò, insieme vivremo. »[4]


[1] Dal romanzo.
[2] Dal romanzo.
[3] Dal romanzo.
[4] Dal romanzo.

Una risposta a "“Tu chiamale se vuoi, Emozioni”"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...