“Grazia, Graziella e … «Alla ricerca del militare perduto»”

Vi ho già raccontato di aver ritrovato uno dei quaderni-diari delle avventure di tre ragazze delle superiori che per motivi di privacy ed eventuali denunce chiameremo Grazia, Graziella e va bè, la terza sono io mi pare chiaro…

Di storie da raccontare ce ne sono a iosa, ma per ragioni di pudore e perché alcune probabilmente non sono ancora cadute in prescrizione, non le ho ancora raccontate.

Oggi però sono passata davanti alla Cecchignola[1], e improvvisamente mi sono ricordata di un’altra folle impresa del trio che mi ha fatto sorridere tutto il pomeriggio nonostante il caldo asfissiante.

Aperta e chiusa parentesi: ma che è sto Inferno???? Ma come è possibile svegliarsi con 37°? E perché stanno ancora tutti in città ad intasare le strade e rubare i parcheggi????

 

Tornando a noi, le tre fanciulle all’epoca del fatto avevano circa sedici anni, l’innocenza e la malizia di allora adesso se la sognano, ad ogni modo, era un pomeriggio come tanti, eravamo in centro, sedute sulle scalinate di piazza di Spagna quando si avvicinano un gruppo di militari sui diciotto, venti anni al massimo che attaccano bottone. Sono per la prima volta in una grande città e la scusa di turno è chiederci di spiegargli un po’ cosa vedere, dove andare, cosa fare.

43_alla ricerca del militare perduto
Graphic by: Gioia

Inutile sottolineare che mentre io e Grazia ci limitavamo a flirtare innocentemente in attesa di eventuali scambi di numeri, richieste di appuntamento o altro… Graziella si era già appartata a limonare con uno dei militari siciliani.
Il pomeriggio finisce, i ragazzi tornano in caserma, noi a casa. E per me e Grazia l’avventura poteva pure finire lì.
Ma, tre giorni dopo, ci ritroviamo su un pullman dirette alla Cecchignola con in mano un nome e un vago ricordo del limonatore siculo di Graziella.

Perché?

Perché alla nostra amica era presa una di quelle cotte lamentose e fulminee che uccidono le conversazioni come niente altro al mondo. Parlava solo di lui, pensava solo a lui. Era una vera ossessione, e stava diventando anche per noi una specie di goccia cinese. Se non ché spinte da uno spirito di amicizia e un pizzico di incoscienza, ci siamo imbarcate pensando di fare un’opera pia a ritrovare il grande amore (che sapevamo benissimo sarebbe durato sì e no due settimane) di Graziella, e speranzose che così le nostre chiacchierate sarebbero tornate anche su altri fronti.

 

 

Ora, per chi non è mai stato nella zona militare va fatta una precisazione: è ENORME!
È una vera e propria città, con tanto di negozi, alberghi, barbieri, supermercati. Quindi la nostra ricerca era un po’ il proverbiale “ago nel pagliaio”.

Perciò arrivate lì dopo un’ora di viaggio fra autobus, metro e altro autobus, ci siamo trovate di fronte un marasma di ragazzi in divisa di ogni provenienza ed età, che ovviamente ci guardavano come se avessero appena visto un fantasma in una notte buia e tempestosa perché solitamente lì le donne non ci entravano mai. Ma noi questo, non lo sapevamo.

La nostra infruttuosa ricerca è durata circa un’ora, con un’imbarazzante richiesta a chiunque ci potesse sembrare venire dalla più bella isola italiana (non me ne vogliano i sardi o tutti gli altri isolani ma io ho un vero debole per la Sicilia!), chiedendo se conoscevano Tizio e provando a descriverlo…

Indovinate un po’? niente da fare, l’ago non è spuntato dal pagliaio.

In compenso siamo tornate a casa con circa venti/venticinque numeri di telefono ciascuna…

Torniamo a scuola il giorno dopo, abbattute, e certe che dovremo subirci un’altra scarica di “ho perso l’uomo della mia vita” di Graziella, quando lei arriva tutta saltellante annunciando che la sera prima è andata a una festa e ha conosciuto il ragazzo migliore del mondo e…. bla bla bla.

Via con il nuovo, Tizio limonatore siculo era già dimenticato.

 

 

Alla faccia di chi dice che ci si innamora una volta sola nella vita…..

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


[1] https://it.wikipedia.org/wiki/Cecchignola

Una risposta a "“Grazia, Graziella e … «Alla ricerca del militare perduto»”"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...