“Oh Peralta!”

Mio fratello è un addicted molto selettivo, perciò quando mi consiglia un libro o una serie tv, sono propensa a seguire le sue indicazioni e – fermo restando che ognuno ha i suoi gusti e le sue preferenze – devo dire che fino ad oggi non ha mai sbagliato un colpo.

In estate mi disse di aver (ri)scoperto una sitcom poliziesca molto new girl ma col giallo di turno. Lì per lì, sommersa già di altre serie tv e libri e di faccende varie affaccendata, non ci prestai troppa attenzione. Ma in autunno, una sera che ero rimasta a dormire a casa dei miei, Luca stava guardando proprio una puntata di questa fantomatica sit-com e… SBAM, colpo di fulmine!!!

I dialoghi, i personaggi, le dinamiche. Pur non capendo nulla del continuum essendo la terza stagione, mi sono subito appassionata, e una volta tornata a casa mi sono convinta ad iniziarla.

Innanzitutto voglio complimentarmi per il doppiaggio che per una volta non è completamente sballato. Devo dire che sulle sitcom ci prendono di più rispetto alle serie di lungo raggio. Con alcune terrificanti eccezioni.

Jake Peralta (Andy Sanberg) è l’indiscusso protagonista della serie e spesso fa da personalità trainante della trama. Ad affiancarlo una perfetta squadra di sgangherati: Charles Boyle (Joe Lo Truglio) che  si contraddistingue per il suo amore per la cucina (lui stesso è un gran cuoco e gestore di un blog a tema) e per gli abiti stravaganti. Rosa Diaz (Stephanie Beatriz)  dura e intelligente detective del dipartimento.  Amy Santiago (Melissa Fumero)  in continua competizione con tutti per essere la migliore, ha però un cuore d’oro. Terry Jefford (Terry Crews), un omone grande e grosso dal cuore tenero. Deditissimo alla sua famiglia, ha paura a mettersi in situazioni pericolose dalla nascita delle sue due figlie.
A capo di tutti c’è il nuovo capitano Ray Holt (Andre Braugher): freddo e poco espressivo, si rivelerà un’ottima guida e un simpatico burlone. Gina Linetti (Chelsea Peretti) è il personaggio irriverente per eccellenza, un’intelligenza sopra la media ben mascherata sotto cinismo e superficialità. Ha lei le battute più sarcastiche, più spassose, nonostante (o forse proprio perché), è l’unica non poliziotta.

Quello che ho notato subito e per cui mi sono sentita coinvolta è la capacità di questa sitcom di fare tanto umorismo senza mai risultare irrispettoso, esaminando anche argomenti molto delicati, con leggerezza sì ma mai con superficialità.  C’è un miscuglio di culture etnie e sessualità, ma invece di proporre i soliti stereotipi, nella squadra del 99 non troviamo dei rappresentanti di facciata, ma ogni personaggio è disegnato affinché le caratteristiche siano personali e non generiche, così che ognuno di noi possa riconoscersi nell’uno o nell’altro senza troppe etichette. Inoltre raramente capita di imbattersi in una serie in cui le relazioni di amicizia hanno uguale, se non più importanza rispetto a quelle amorose, ed è un altro aspetto che ho apprezzato davvero molto.

Brooklyn Nine-Nine è un prodotto vincente perché è capace di appassionare il pubblico non avvezzo a vedere un distretto di polizia tanto sopra le righe quanto capace nel proprio lavoro, alterando il genere più amato senza però farne sentire troppo la mancanza.

Nonostante Boyle ci propini ricette di alta cucina, a me questa sitcom ispira un piatto che sinceramente non pensavo avrei mai mangiato in vita mia e che invece mi sono ritrovata a cucinare mio malgrado: mac&cheese*!!!!!

Un cibo consolatorio statunitense che però per un’italiana è un insulto vero e proprio. Eppure puntata dopo puntata ne sentivo sempre più la voglia fino a che ho ceduto, ed ora non posso farne a meno, è diventato un abbinamento perfetto, un po’ come il Cosmopolitan per Sex and The City o Castle e la pizza.

Ahimè.

Con i primi freddi autunnali Peralta e la sua squadra sono un toccasana di energie positive, bisognerebbe tenersi da parte le puntate come stimolante naturale in quelle giornate NO che capitano molto spesso in questa stagione di passaggio dalla luce al buio. Perché le battute sono pensate, scritte e bene e…udite udite anche ben tradotte. E allora che aspettate? Americanizzatevi con la pasta al formaggio e il distretto di polizia più cool della tv!
Grazie bro, per avermi consigliato bene, come sempre!

 

*Mac&Cheese
(la ricetta è del mio amico inglese, John)

Ingredienti per 2 persone:
-160g di pasta corta

-140 gr di Cheddar grattugiato. (Se non lo trovate potete sostituirlo con dell’Emmental)
-40 gr di burro
-16 cl di latte concentrato non zuccherato
-¼ di cucchiaio di senape
-½ cucchiaio di farina
-12 cl di latte
-80 gr di pan grattato
-Sale q.b.

 

 

 

 

 

 

 

 

Preparazione

 

_brooklyn 99.png
Graphic by: Federica

Come con la pasta italiana, iniziamo con il bollire l’acqua e intanto accendiamo il forno a 180°C, mentre la pasta si cuoce (attenzione, ricordiamoci di scolarla quando è ancora un po’ duretta, perché continuerà a cuocere nel forno), in una padella abbastanza grande e alta iniziamo a scaldare il burro a fuoco medio, al quale aggiungiamo la farina e mescoliamo fino ad amalgamare il tutto. A questo punto aggiungiamo il latte concentrato e continuiamo a girare, ci versiamo la senape e il sale e continuiamo a mescolare per 5 minuti fino ad ottenere un composto omogeneo e cremoso.
Se, da buon italiano, non ti è ancora venuta la nausea… grattugiamo sul composto il cheddar e amalgamate il tutto, poi versiamo la pasta in una teglia rettangolare e impastiamola con la salsa e ci aggiungiamo altro burro e il pangrattato. Ricopriamo la pasta con questo miscuglio e con una dose abbondante di cheddar grattugiato, mettiamo in forno per circa 40 minuti fino a che la superficie non diventa dorata et voilà… pronti e fumanti.

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...