“Un’Estate fra cattedrali e foreste”

« I bambini vennero presto per assistere all’impiccagione. Era ancora buio quando i primi tre o quattro uscirono furtivamente dai casolari, silenziosi come gatti nei loro stivali di feltro. »[1]

 

Eccoci qua, io, un frappè cocco e cioccolato, occhiali da sole e 1030 pagine che ho tenuto in serbo proprio per questa lunga Estate. Certo che sei grosso eh, chissà quanti alberi hanno abbattuto per darti alla luce, sarà meglio che tu ne valga la pena, mio caro.

 

Risultati immagini per pillars of the earth gifSono passati quattro anni, ma ricordo perfettamente il giorno in cui ho iniziato I PILASTRI DELLA TERRA di Ken Follet, dopo che colleghi, parenti ed amici me lo hanno consigliato per anni, era arrivato il momento: il romanzo[2] si apre nel 1123 in Inghilterra, quando un uomo viene impiccato con l’accusa di essere un ladro e la vicenda abbraccia circa cinquant’anni di storia inglese e si conclude nell’anno dell’uccisione di Thomas Becket, nel 1170.
La prima cosa che ho capito immergendomi in questo manoscritto è che i personaggi vivono completamente tra le pagine del libro, la potenza narrativa è così densa di dettagli e punti di vista che sembrano quasi farci toccare con mano i muri della Cattedrale la cui realizzazione cadenza il ritmo e la durata del romanzo.

 

2
Graphic by: Gioia

« La navata centrale seguiva lo stile dei transetti, ma il costruttore aveva affinato il disegno, aveva reso ancora più snelle le colonne e più grandi le finestre…aveva sentito parlare dei vetri colorati…si era chiesto come mai tutti vi attribuivano tanta importanza, perché immaginava che una finestra colorata non fosse molto diversa da un arazzo o da un dipinto… »[3]

 

Molto centrato anche il modo di parlare dei diversi personaggi, del tutto consono alla classe sociale e istruzione da cui arrivano, così il frate Philip cita spesso passi della Bibbia e misura ogni sua azione, Jack, il ragazzo fuorilegge, commette errori anzitutto di condotta civile e la piccola Marthe non è ancora in grado di prendere decisioni da sola ma commuove tutti con le sue parole.

Non si può non emozionarsi leggendole varie traversie narrate in questo capolavoro della narrativa, sia che si tratti di spostamenti a cavallo, combattimenti all’ultimo sangue o dell’amore assoluto contrastato in qualsiasi modo… Ci si tuffa nella storia, e senza rendersene conto si arriva all’ultima pagina tutto d’un fiato.

Risultati immagini per pillars of the earth gifSpesso la sera per me era un dolore dovermene distaccare, cosa succederà a Jack, Tom, Alfred? Riuscirà Aliena a cavarsela anche stavolta? E quanto cavolo la finiranno sta cattedrale? – mi chiedevo mentre con gli occhi stanchi mi appropinquavo a Morfeo.
Ogni momento della giornata era buono per riprendere la narrazione, dal bagno la mattina, la spiaggia il pomeriggio, il letto la sera.

Una specie di droga.

E sono stata davvero contenta di aver aspettato l’Estate perché altrimenti penso l’avrei dovuto lasciare sul comodino a prendere polvere, perché per quanto appassionante, per quanto pieno di azione ed intrighi, è un romanzo che necessita di pazienta, di tempo, di pause!
E sfido io a trovarle nei periodi di piena attività lavorativa o scolastica!
L’estate, non per tutti, me ne rendo conto, ma per una grande maggioranza, è un periodo più libero, più lento, più rilassato. E allora questo bel mattoncino non sembrerà una sfida impossibile quanto un’ottima compagnia!

Immagine correlata« Io sono certa che nulla più soffocherà la mia rima, il silenzio l’ho tenuto chiuso per anni nella gola come una trappola da sacrificio, è quindi venuto il momento di cantare una esequie al passato. »[4]

E, se ne sentirete la mancanza una volta concluso, potrete stare tranquilli, Follett ne ha sfornati altri due a completare la trilogia: Mondo senza Fine e Le colonne di fuoco.

 

 

 


[1] Dal romanzo.
[2] Nel giugno 2009 sono iniziate le riprese della miniserie televisiva I pilastri della Terra, prodotta da Ridley Scott, che ripercorre le vicende del romanzo: le location scelte sono in Austria e Ungheria. La prima messa in onda è avvenuta nel luglio 2010 negli Stati Uniti e nell’ottobre dello stesso anno in Italia; mentre nel 2017 è uscito un videogioco.
[3] Dal romanzo.
[4] Dal romanzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...