“Una romantica logorroica e il compleanno”

Certo Marta cara, che scriversi da sola gli augur di buon compleanno è proprio il tripudio dell’essere logorroica..l’apoteosi del cantarsela e ballarsela da sola… che poi il compleanno è il 12 e farsi gli auguri prima dicono porti pure male.

Però è romantico, e quindi ci siamo, non vai fuori tema.

Sbarelli stasera,  e tentenni , come spesso malauguratamente accade , nel pensare a cosa realmente ti auguri per quest’anno che vede arrivare le candeline a ben 32.

A pensare a quelli passati ogni tanto ti si inceppa il cuore impigliato a qualche ricordo tanto bello, e i pensieri  scivolano via come i fili di un gomitolo giù per il disincanto al quale ogni tanto anche il più ostinato ottimismo si deve arrendere.

Anche se la vita te la immaginavi un po’ “Via col Vento ” e un po’ “Sballi ravvicinati del terzo tipo” con un certo disappunto devi constare che difficilmente potrai farti un giro in carrozza senza che ti venga prescritto un “trattamento sanitario obbligatorio”, e che non facilmente parteciperai a qualche favoloso ballo in chissà quale romantico castello , e che probabilmennte per entrare ad una festa ti toccherà pure fare la fila accanto a disgustosi adolescenti con orrendi tagli asimmetrici e le scarpe slacciate ( che cordialmente ti innervosiscono, da sempre).

In un’esistenza popolata da emeriti stroppi travestiti da principe azzurro, donnette squallide e feste con selezione all’ingresso , una principessa che ai tacchi 12 preferisce le scarpe da ginnastica può pure sentirsi spaesata qualche volta.

Hai sempre creduto di subire il fascino delle cose inarrivabili, ma hai pensato male. Ora ci ridi sopra e rettifichi.

Ti annoiano, di base.

Dopo che il Principe Filippo ha salvato la principessa, nei titoli di coda appare la scritta “E vissero felici e contenti” , ora rifletti che quello non è che l’inizio…la vita vera viene dopo.

Dopo che hai comprato la Vuitton dei tuoi sogni , in sintesi, devi pensare a cosa abbinarci. Ed è questo che distingue una vera signora, cosa che non sempre ti viene spontanea e che anche in quel caso dovrai imparare ad affinare.

“Anche ad essere si impara”, diceva la buonanima di Calvino.

Come ci sono arrivata dalla Vuitton a Calvino…?! Il prof. Carmesini ( di cui ricordiamo i cari e amati sproloqui da Internet a Gesù Cristo) sarebbe fiero di me!

Subisci, invece, il fascino caldo delle cose imperfette.

Imperfette come questa vita in cui gli incontri migliori li fai per sbaglio, le cose che ami infinitamente te le perdi per strada..non si sa perchè, questa vita che vivi e descrivi ma certe volte ti mancano le parole.

Anche se sei una romantica logorroica.

Imperfette come il neo sulla guancia di papà che da bambina avevi il terrore di ereditare  ma che ti è tanto caro, come le liti con le amiche che tanto sai già come va a finire ( in genere al john silver verso le 19 e 30) , come la parola “per sempre”…ora che stai crescendo sospetti che sia una cazzata allucinante ma che è la parola più bella che ti viene in mente, come la malinconia, come morire dal ridere.

Subisci il fascino della vita, le cose che ti mancano di più sono quelle che ti gettano tra le braccia del mondo, che il mondo abbia la faccia di qualche bel ragazzo o il rumore scivoloso , deciso e dolce delle ruote dei pattini che ti portano dove vuoi tu.

Passi il dito sulla pelle liscia ( ancora reggi), sorvoli su qualche ciccetta sballonzolante (ci penserai domani, come insegna Rossella O’Hara) , indugi su qualche cicatrice. Ti esce una lacrima ma poi anche un sorriso. C’hai un anima altalenante, sfuggente e ingenua per  ora.

Fanculo i tacchi 12, avrai tempo per metterli, ti infili le scarpe da ginnastica e via a trotterellare per strada.

“Via,” è questo che ti auguri per i tuoi 32 anni e per tutti quelli a venire.

Che ci sia sempre un altrove da scoprire, un posto nuovo da visitare e poi  una casa a cui tornare.
E’ bella tanto la vita, vista da qua. Difficile e dolorosa, ma bella.
E mi pare entusiasmante abbracciarla, e so solo che “ti dirò , vedrai la pena vedrai, da adesso in poi”.

Grazie amiche, il “diario di una romantica  logorroica ” mi piace dividerlo con voi 🙂

Qualcuna la ringrazio per le sue parole gentili, perché mi sta simpatica ..qualcun’altra perché mi sopporta da una vita e perché , la vita, me l’ha riempita di tanti affettuosi ricordi condivisi.

Qualcuna perché sono certa che era destino che la incontrassi, qualcuna perché si incaricherà presto di regalarmi una Vuitton ( non per fare la stronza materialista ma qualche idea su cosa potrei abbinarci inizio ad averla).

Grazie .

M.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...