...Riflessioni (non) Casuali...

“Il vero Capodanno”

L’anno scorso scrivevo questo:

Benvenuto Settembre | la Matita d'ArgentoE niente, sei tornato. Come ogni anno. Non ci si può fare molto… Che poi non è nemmeno colpa tua, non hai scelto tu di essere proposto come l’inizio della fine.
Non hai scelto di essere un lunghissimo lunedì. Non hai certo deciso di avere la responsabilità di chiudere l’estate, né di far iniziare le scuole, le università, i lavori. Non è colpa tua se il vento cambia e porta tristezza.

Ti avessero dato almeno il compito di iniziare l’anno, come poi di fatto fai, avresti avuto le bacheche piene di buoni propositi da buttare, di foto con cappellini e cotillon, un senso….

Invece arrivi come un ospite indesiderato eppure atteso, e ogni anno ci scontriamo e tu mi regali tante gioie quanti dolori.
E visto che ormai sei qui sulla porta, questa volta voglio provare a farti entrare senza paura. Voglio provare ad accoglierti.

A dirti bentornato.
Bentornato e speriamo bene.

 

Solitamente il 31 agosto io festeggio il Capodanno.

Capodanno? Ad agosto?

Sì. Quello che io chiamo IL VERO CAPODANNO.

Perché è a Settembre che cambia tutto: l’anno scorso ho anche traslocato!!

Anche se tecnicamente l’estate dura ancora una ventina di giorni, il 31 agosto le diciamo addio, e ci prepariamo ad un lungo inverno, pieno di novità. Belle o brutte che siano.

Fine del relax, fine dei giochi. Si torna alla “normalità”.  Fra il 31 dicembre e il 1 gennaio, non cambia proprio nulla, invece.

È settembre che inizia il nuovo ciclo.
E allora, di solito, prenderei una bottiglia di prosecco, due tartine, pochi amici e via coi buoni propositi.

Ma questo anno…
Per la prima volta guardo a settembre consapevole di non avere idea di cosa potrebbe portare.
Le scuole apriranno? E come? E quando? E per quanto?
A lavoro ci torneremo tutti? In presenza? In smart working? E quando? E per quanto?
Che ne sarà degli amori estivi? Torneremo a videochiamare gli amici per poterli vedere? Già piove, già il vento è cambiato, eppure non ci hai detto come. Come dobbiamo cambiare, settembre.

Che caos, settembre.

Perciò, verso il prosecco più titubante del solito, sola, con l’unico proposito di gioire per le piccole cose, di capire cosa c’è in serbo per noi in questo nuovo settembre, e di trovare sempre un motivo per alzare il bicchiere.

 

Cin cin

3 pensieri riguardo ““Il vero Capodanno”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...