Tv Series Rehab_eng

“One by One…”

The skill of showrunner Jeffrey Bell is right here: since there is a killer who can be hidden anywhere, whenever there is a mysterious situation, Bell moves our focus on a different character, thus making us lose the thread of our investigations. In fact, it is impossible not to get carried away, trying to realize first of all who is killing all the participants in Henry and Trish’s wedding, on Harper’s Island

Thr0ugh The Mirr0r

There was a time when streaming was still a kind of distant mirage and to which only the computer experts could access; a time when private networks were so expensive that they were elite, when Netflix or Nowtv didn’t exist. A time when, in short, you had to settle for what was on the “non-pay” TV.

And it is at that time, September 2009 – in record speed for the time considering that it was aired on CBS in April !!! and usually it took at least a year for the dubbed version – that Rai Due in a moment of unexpected lucidity aired Harper’s Island every Sunday evening at the end of the summer, putting in agreement viewers who are passionate about thrillers, those who are passionate about Agatha Cristie -style detective stories , and horror fans.

Because this series, which already promised to be unique and effective from…

View original post 896 altre parole

Tv Series Rehab

“Uno dopo l’Altro…”

La bravura dello showrunner Jeffrey Bell sta proprio qui: essendoci un killer che può essere nascosto ovunque, ogni volta che c’è una situazione misteriosa, Bell muove la nostra concentrazione su un diverso personaggio, facendoci così perdere il filo delle nostre indagini. Impossibile infatti non lasciarsi trascinare, cercando di capire prima di tutti gli altri chi è che su Harper’s Island sta facendo fuori tutti i partecipanti al matrimonio di Henry e Trish

Thr0ugh The Mirr0r

C’è stato un periodo in cui lo streaming era ancora una specie di miraggio lontano e al quale sapeva accedere solo l’esperto di computer di turno; un tempo in cui le reti private costavano talmente tanto da essere d’elite, in cui non esisteva Netflix o Nowtv. Un tempo in cui, per farla breve, dovevi accontentarti di quello che passava la tv “libera”.

Ed è in quel periodo, Settembre 2009 – in velocità record per l’epoca considerando che su CBS era andata in onda ad Aprile!!! e solitamente ci voleva almeno un annetto per la versione doppiata, ai bei tempi in cui il doppiaggio italiano era ancora un fiore all’occhiello e non lo schifo che è diventato ultimamente, ma non voglio polemizzare! – Rai Due in un attimo di inaspettata lucidità mandò in ondaHarper’s Islandtutte le Domenica sera di fine Estate, incollando i telespettatori appassionati di thriller, gialli

View original post 892 altre parole

Books and Other Pleasures

“Bonjour les &nfants”

I was attracted by the plot: a mix of psychological thriller and romantic romance, and I must say that, unlike the birthplace, the author did not fail my expectations!

Thr0ugh The Mirr0r

**https://youtu.be/CAMWdvo71ls?list=PLEuPJYtHKcIEfT0zUr8ceTxnr5by0zDdi

<< A little girl had died in terrible circumstances. Without anyone hearing her, she had walked several flights of stairs, she opened doors, a window…. The omission of control was obvious. >>[1]

When I was a child, I was incredibly fascinated by France, I don’t know why, but I was almost obsessed with it, I often dreamed of going for a walk in the vineyards, to walk through the Champs Elise’s, to paint on the river, and to taste the fine French cheeses.

When I finally flew to Paris at 13, I have to say I was a bit disappointed, maybe the expectations were too high, or I was unlucky, because I met a lot of rude people, I found bad food and very cold and rainy weather despite it being late July.

In any case, with the cheese and wines excluded, the passion and charm…

View original post 585 altre parole

Libri & Altri Rimedi

“Bonjour les &nfants”

La trama mi ha subito attirata per quel misto fra thriller psicologico e giallo romantico, e devo dire che, a differenza della madrepatria, l’autrice non ha deluso le mie aspettative!
È una storia abbastanza semplice nella sua complessità di genere, parlare di una ragazzina che si suicida non è cosa facile, ma la Boissard lo fa con pacatezza e poesia, concentrando sulla protagonista, la chirurgo-assistente sociale, Margeux il punto di vista. Adulto quindi, e di conseguenza più sopportabile.

Thr0ugh The Mirr0r

**

< Una ragazzina era morta in circostanze terribili. Senza che nessuno la sentisse, aveva percorso diverse rampe di scale, aperto delle porte, una finestra…. L’omissione di controllo era flagrante >[1]

Quando ero piccola ero incredibilmente affascinata dallaFrancia, non saprei dire perché visto che nessuno della mia famiglia me ne avesse mai parlato, ma ne ero quasi ossessionata, sognato di andare a passeggio fra i vigneti, di leggere a un bistrot sugli Champes Elises parigini, di dipingere e di assaggiare i pregiati formaggi francesi.

Quando a 13 anni finalmente sono volata a Parigi, devo dire che un po’ ne sono rimasta delusa, forse le aspettative erano troppo alte, o sono stata sfortunata ad incontrare una gran quantità di persone scortesi, del pessimo cibo e un meteo freddissimo e piovoso nonostante fosse Luglio inoltrato.
Ad ogni modo, formaggi e vini esclusi, l’ossessione e il fascino della Francia sono…

View original post 621 altre parole

Amateur photographer, professional traveler

“Roads are for enjoying the journey, not for reaching your destination”

Before a global pandemic locked all of us into the houses, sometimes the need to travel was so urgent that instead of organizing, planning, choosing every detail of what to see when and how, my two best friends and I decided to let fate choose. Or rather at the web site flykube[1] . Having determined… Continue reading “Roads are for enjoying the journey, not for reaching your destination”

Fotografa amatoriale, viaggiatrice professionista

“Les routes étaient faites pour les voyages, pas pour les destinations.”

Prima che una pandemia globale ci rinchiudesse tutti in pochi metri quadrati, il bisogno di viaggiare a volte era così impellente che invece di organizzare, pianificare, scegliere ogni dettaglio di cosa vedere quando e come, io e le mie due migliori amiche, abbiamo deciso di far scegliere al destino. O meglio al sito flykube.com[1] .… Continue reading “Les routes étaient faites pour les voyages, pas pour les destinations.”

*Altri Autori* · ...Riflessioni (non) Casuali... · Uomini, Donne & Altri Alieni

“…Nelle ‘puntate’ precedenti…”

In attesa di nuove (dis) avventure da raccontare, e credetemi ne sto vivendo, devo solo trovare il tempo di metterle nero su bianco, ecco per chi avesse curiosità qualche vecchia storia.

Buon weekend💟

Thr0ugh The Mirr0r

Qualche giorno fa ho fatto un recap di tutti gli articoli- consiglio che ho scritto, per fare un po’ di ordine soprattutto nella mia testa (dura); l’ho trovato rilassante e ho deciso di farlo anche con il resto dei miei scritti (e di quelli dei miei compagni di disavventura); nel corso di questi mesi ho trattato argomenti vari ed eventuali, lasciandomi trasportare dai ricordi, dall’umore e dall’ispirazione.
Sono tutti avvenimenti realmente accaduti, riflessioni, pensieri messi nero su bianco in ordine sparso.

Qui, ora, provo invece a dargli un senso almeno per argomento, così se avete qualche commento da fare, qualche opinione da scambiare, sarà più semplice.

Spero.

Risultati immagini per love gifSull’amore o giù di lì

Dio ci salvi da Cupido    (Gioia)
Mi stai friendzonando?!?! (Gioia)
– Mai ordinare pollo al Primo Appuntamento (Gioia)
L’importanza dello Spazzolino (Federica)
– Se ti dà del Tenero, non c’è del tenero

View original post 236 altre parole

...Riflessioni (non) Casuali...

“Voglio andare a vivere in campagna… (ma anche NO!)”

L’immagine del contadino sorridente e rilassato delle pubblicità non gli è mai appartenuta. A chi si riempie di belle parole e pensa a quanto sia bello e rilassante il lavoro in campagna contro lo stress cittadino vorrei fargli passare solo un paio d’ore con mio padre.

Thr0ugh The Mirr0r

Sono nipote di contadini o, come li classifica 3 sl’INPS, coltivatori diretti. Sia mio padre che mia madre hanno passato l’infanzia e l’adolescenza fra campi, stalle, e orti di varia grandezza.

Entrambi sono andati a scuola, ma questo non impediva loro di dedicare ogni minuto libero a lavorare con i propri genitori. Fra campi di grano, vigneti, uliveti, pecore da portare al pascolo e uova da raccogliere, la campagna richiede impegno e fatica 365 giorni all’anno. Potevano sì nutrirsi di cibi davvero naturali e a chilometro zero ma le ossa rotte a fine giornata non gliele toglieva proprio nessuno. Quando mio padre ha deciso di voler continuare dopo le scuole dell’obbligo e non seguire le orme paterne, per mio nonno è stata una scelta insensata, il quale è sempre stato convinto che la sola ricchezza potesse venire dalla terra. Pur svolgendo un lavoro d’ufficio mio padre non ha assolutamente reciso le…

View original post 726 altre parole

Libri & Altri Rimedi

“In Viaggio ne «L’Età Indecente»”

No english version.

Non si era affatto rinco, anzi, mi stava semplicemente insegnando che il genitore è il mestiere più difficile del mondo! Perché anche quando tu, figlia/o, pensi di stare nel giusto, e ti rompi a starli a sentire con le loro mille preoccupazioni, loro – i genitori – hanno mille preoccupazioni lo stesso. Vivono la loro e la tua vita. Non possono farne a meno.

Almeno, i bravi genitori!

Thr0ugh The Mirr0r

Premise: There will not be an English version of this article as the book has not only not been translated, but would be untranslatable, using a very specific language.

**

Quando mio padre mi ha consigliato questo libro, per un attimo ho creduto volesse lanciarmi un messaggio, ma al di là di qualche piccola marachella e di stupidate che lui non sapeva (non credo almeno, oddio, lo spero!) sono stata un’adolescente fin troppo garbata. Non mi drogavo, non fumavo, non mi sono fatta piercing o tatuaggi segreti, ho sempre retto molto bene l’alcool -ma comunque non ho mai bevuto tanto da farmi dover ricoverare. Se dovevo vedere i ragazzi lo facevo di giorno, non sono mai sgattaiolata via di notte mettendoli in apprensione; a volte sono partita col treno e sono stata via una giornata intera, ma la notte sono sempre rientrata sana e salva!

Per carità ogni cosa che dicevano…

View original post 852 altre parole

Tv Series Rehab_eng

“Is it always Spring in Alabama?”

Now, beyond the fact that in this remote village are all beautiful, what has convinced us to watch the TV series is the cast and lightness of the plot, almost a sitcom. We are more and more avid about not only the characters, the love affairs (predictable!), but also careers, food *, places, and we are almost persuaded to make a trip in Alabama as soon as possible, because in all the seasons, it always seems like it’s Spring! But nobody, and I mean nobody suffers from allergies !!!! – who knows, maybe the flowers there do not wildly pollinate like here, or they have heavier antihistamines

Thr0ugh The Mirr0r

Cinnamon Apple Bundt Cake
(the recipe is from my English friend, John)

INGREDIENTS
– 2  1/2 cups all-purpose flour
-2 teaspoons baking powder
-1/2 teaspoon baking soda
-1-1/2 cups plus 1/2 cup packed light brown sugar, divided
-4 medium sized medium Granny Smith apples, peeled, cored and cut into ½” pieces
-1 Tablespoon plus 1 teaspoon ground cinnamon, divided
-1 teaspoon table salt
-1 cup unsalted butter, melted
-4 large eggs, lightly beaten
-confectioners’ sugar

METHOD

28_hart of dixie Graphic by: Gioia

Preheat oven to 350° F. Grease and flour a 12-cup Bundt pan. In a small bowl, combine flour, 1 tablespoon of cinnamon, baking powder, salt and baking soda. Set aside.
In a medium saucepan, melt the butter over low heat. Let it cool slightly off heat, about 10 minutes. Whisk in 1½ cups brown sugar until smooth, then whisk in the eggs. Fold in the flour mixture until just combined. Do not overmix. Fold in apples.
Spoon half of the…

View original post 680 altre parole