Books and Other Pleasures

“Words, Secrets and Purple Rain”

Two women, Vida and Margareth, a story, precisely the thirteenth, which brings them together and puts them against each other, one next to the other. How can I describe this novel in one word? Magnetic. Without understanding why, you find yourself drawn to the folds of history. The words, written in a “Bronte” style have the power to nail you to the pages, they are so stimulating that they seem like those of a spell.

Thr0ugh The Mirr0r

“Of course I loved books more than people.”[1]

I have to admit it; I made the typical mistake that I always recommend you not to do: I chose the book from the cover! But you have to understand me: a book with books on it! How could I resist? I.
The well-known bookaholic????

Shelves are full of books with covers of the kind, badly written, but I was lucky because in this used book market I found this really not bad volume.
Ok first of all let’s prepare a nice Naked Cake with the Caramello Salato’s recipe, let’s settle on the rocking chair in the patio (in the absence of which you can run around the city / town until you find one, … or you can look for a play area and equipped with antihistamines, mosquito repellent and Walkman … or for the more contemporary an ipod…

View original post 622 altre parole

Libri & Altri Rimedi

“Parole, Segreti & Pioggia Viola”

Non credo questo romanzo resterà eterno, ma mi piacerebbe che ci provasse. Perché la storia delle due donne è incalzante, intrigante, piena. I capitoli sono brevi, come le piogge improvvise e il caldo inatteso, per questo anche se il libro è ambientato a Novembre, mi ha sempre fatto pensare a Marzo, col suo tempo incerto, le prime giornate buone, gli uccellini che tornano a cantare e le lande desolate piene di promesse amorose dei grandi classici.

Thr0ugh The Mirr0r

27_la 13 storia Graphic by: Gioia

Devo ammetterlo, ho fatto il tipico errore che vi raccomando sempre di non commettere: ho scelto il libro dalla copertina! Ma dovete capirmi: un libro con sopra dei libri! Come potevo resistere? Io. La rinomata bookaholic????

Sono stata fortunata, perché di libri con copertine del genere scritti coi piedi ne sono pieni gli scaffali, ma in questo mercatino di libri usati ho trovato questo volumetto davvero niente male.


Ok prima di tutto prepariamo una bella Naked Cake con la ricetta di Caramello Salato, sistemiamoci sul dondolo nel patio (in assenza del quale potete girare come dei pazzi per tutta la città/paese finché non ne trovate uno, chi sa che facciate anche amicizia col legittimo proprietario… oppure cercate un parco gioco e muniti di antistaminici, antizanzare e walkman*… o per i più moderni l’ipod, oppure costruitevene uno! è indispensabile che si dondoli per leggere questo…

View original post 707 altre parole

Tv Series Rehab_eng

“Greetings from Gotham”

I have to admit : I am two seasons behind. I stopped watching it just because I had too many, but I think it’s time to do a rewatch and go on. Then, this cold is perfect for Gothic and polenta…. Don’t you think?

Thr0ugh The Mirr0r

I have always loved Batman.
It is perhaps the only DC hero I appreciate, and it is definitely the comic with the best villains ever! It was my brother who made me approach comics, PKs, Marvel sagas especially (although I am then obsessed with x-men and he prefers avengers), but the love for batman was born by himself and it is totally and inextricably stabilized with the trilogy of Nolan (an absolute masterpiece shredded away by that horrendous new Batman on the screens put next to that vapid of Superman).
So when I heard that Fox was making a prequel based on Gordon and the villains, I could not resist, I waited impatiently and a bit of torment because of the few poor films in which the bad guys find themselves being good and the choice to be the protagonist by Ryan’s of The OC (Benjamin McKenzie)…

View original post 774 altre parole

Tv Series Rehab

“Saluti da Gotham”

Ammetto che dopo il film con Affleck, il mio o amatissimo Batman non riesco più a guardarlo senza pensare che l’età (e la panzetta) arriva per tutti. Ma proprio tutti!
E visto che i fumetti al momento non ho tempo di rileggerlo perché ho 670 libri da recensire o editare… Forse andarsi a riprendere la serie in cui era ancora disegnato come un giovane (insopportabile) adolescente, potrebbe farmi tornare il brivido. Oppure dovrei semplicemente riguardare la magnifica trilogia di Nolan….

Thr0ugh The Mirr0r

Ho sempre amato Batman.
È forse l’unico eroe della DC che apprezzo, ed è sicuramente il fumetto coi migliori cattivi di sempre!
È stato mio fratello a farmi avvicinare ai fumetti, ai PK, alle saghe Marvel soprattutto (anche se io poi mi sono ossessionata sugli x-men e lui predilige gli avengers), ma l’amore per l’uomo pipistrello è nato da sé e si è totalmente e indissolubilmente stabilizzato con la trilogia di Nolan[1] ( un capolavoro assoluto triturato via da quell’orrendo nuovo Batman sugli schermi accanto all’insulso Superman e il resto dell’insulsa banda).
Perciò quando ho sentito che la Fox stava preparando un prequel basato su Gordon e i villains, non ho resistito, l’ho aspettata con ansia e un pizzico di angoscia visti i vari filmetti in cui i cattivi si scoprono buoni e la scelta di Ryan di The O.C. (Benjamin McKenzie) per fare il protagonista….

View original post 763 altre parole

...Riflessioni (non) Casuali...

“Un solo buon proposito”

È dalle 09.30 di stamattina che friggo. Le mie origini campane sono finalmente uscite fuori. Piovono Polpette finger food. E, mentre addobbo casa stile serata degli Oscar, metto steso l'abito elegante, scelgo trucco e tacchi, ripenso ai 365 giorni appena trascorsi. Mi stupisce sempre la velocità con cui passano le ore i giorni e i… Continue reading “Un solo buon proposito”

Men, Women and Other Aliens · Thoughts

“Is it too difficult to ask: «would you like a coffee?»”

Three years ago, and nothing is changed.
What is the problem with the the classic “hook up” in the streets. There is no more!!! Which means that the idea of ​​the convent is once again at stake! Walking for a while among tourists, almost all foreign shopkeepers, some guy is there, but on his own. Some girl is there, but heatedly chatting with friends and not looking around in the slightest.
What does it matter, then an App will take care of making them meet…

Thr0ugh The Mirr0r

“Hello, do you have a needle and thread? I would like to sew a button. “[1]

 

After reading this sentence on facebook, I had seriously thought of closing with the male gender. End of the games, I’m going to the convent. Because women do not attract me in the slightest, but if the level of courtship of men has dropped that much, perhaps the enclosure is not just a choice but even one of the most suitable.

But then I realised that Someone could have argued  a bit about my relationship to say the least fluctuating with religion, and my personality not accustomed to too rigid rules.

And then the alarm at 5 for the Lauds? Noooooo way!

WhoMakesMeDoIt!!


But the question remains. What happened to the courtships of the past?

I do not speak of who knows what twist but about the beloved, old, simple and direct…

View original post 1.016 altre parole

...Riflessioni (non) Casuali... · Uomini, Donne & Altri Alieni

“Ago e Filo (ovvero, Non ci sono più i rimorchi di una volta)”

Era il 2016, alla fine del 2019 le cose non sono migliorate. La gente continua a conoscersi virtualmente, ad innamorarsi virtualmente e a deludersi virtualmente.
Eppure io quanto preferisco parlare con una persona in carne ed ossa davanti a un drink, magari dopo aver osservato l’armadio indecisa per ore, piuttosto che davanti a un PC in pigiama.
E lo dico da super pigra!!
Ma le persone sono come i libri. Gli ebook sono una svolta se devi andare di corsa, se non hai spazio, se vuoi rileggere qualcosa in aereo e hai solo bagaglio a mano…
Ma vuoi mettere entrare fisicamente in una libreria, farsi fuorviare dalla copertina, incuriosire dal titolo, conquistare dalla trama…
E poi magari odorare le pagine. L’indecisione. Lo prendo? Non lo prendo?
Un appuntamento è così. Ti guardi. Ti studi. Discretamente ti annusi. Osservi le smorfie, i tic, il tono della voce…
Sarò old school Ma per me le app non funzionano.
Ecco perché morirò zitella mangiata dai gatti dei vicini.
Buona fine e buon inizio.

Thr0ugh The Mirr0r

“Ciao, hai ago e filo? Vorrei attaccare bottone.”

Dopo aver letto questa frase su facebook, ho seriamente pensato di chiudere baracca e burattini e ciao. Fine dei giochi, me ne vado in convento.
Sì perché le donne proprio non mi attraggono, ma se il livello di corteggiamento degli uomini è sceso a tanto, forse la clausura non è solo un’opzione ma addirittura una di quelle più auspicabili.
Poi però mi sono resa conto che Qualcuno avrebbe potuto obiettare un pizzico dato il mio rapporto a dir poco altalenante con la religione, e il mio carattere non avvezzo ai regolamenti troppo rigidi.
E poi la sveglia alle 5 per le Lodi?

Machimelofafare?!?!

Però la questione rimane. Che fine hanno fatto i “rimorchi” di una volta? Non parlo di chissà quale arzigogolamento che a forza di girare attorno ti ci strozzi da solo, no, ma delle care, vecchie frasi semplici e dirette…

View original post 892 altre parole

*Altri Autori* · ...Riflessioni (non) Casuali...

“Nascere a Natale”

È un fatto che questo periodo dell’anno non può restare indifferente. Lo si ama per i colori, le luci, i profumi, il cibo, la famiglia e il cibo. O lo si odia per la fretta, i ritmi, gli obblighi, la famiglia e il cibo.
In ogni caso, comunque, bisogna affrontarlo. E allora, ho pensato di lasciare il mio augurio di buone feste, col sincero proposito di prenderne solo il positivo, ribloggando il pensiero di chi a dicembre ci è nato….

E io, da figlia dell’estate, non posso che comprendere e ridere con lui.

Buon natale amici blogger, non vi ingozzate troppo 😅❤️

Thr0ugh The Mirr0r

Essendo nata nel pieno dell’Estate, per anni mi sono sentita esclusa dai festeggiamenti “classici” : le scuole chiuse e la maggior parte dei miei amici in vacanza, come poter organizzare qualcosa anche di solo vagamente simile a quello che facevano i miei amichetti?

impossibile

i tentativi dei miei di posticipare a settembre se non addirittura a ottobre hanno compensato qualche volta, ma rimaneva il fatto che il giorno preposto per celebrarmi non c’era tutta la gente che avrei voluto!

col passare del tempo mi sono resa conto di quanto questo mio essere nata in un periodo di ferie sia in realtà una grandissima fortuna perché, al di là di qualche regalo in meno, mi risparmio un sacco di tempo e denaro! 

con la scusa di non disturbare durante le vacanze, mi festeggio il compleanno come meglio credo, con chi voglio e senza troppe scuse per i non invitati!!!!

vivendo questo…

View original post 1.525 altre parole

Books and Other Pleasures

“Six-hundred Seconds”

That’s how I found this little precious book. Fearing that I was wasting my time (and reason) behind a window wet with tears of Heaven. “Ten minutes long”, a title that immediately catched me. A title that was necessary for me.

Thr0ugh The Mirr0r

The rain falls slowly, almost bored of having to do so, on the window glass from which you can see at times and blurry the others’ lives. Is it for duty or pleasure that the neighbour is taking out the dog despite the cold? Is it because he loves his pet to the point of getting pneumonia? Or because his house is tight and maybe needs to run away, at least a little. Just for a while.
And the girl who cries at the bus stop, what is she thinking of? Had she lose a lover, a friendship? Or maybe she just got a bad score and does not want to admit it to her family for fear of ruining her Christmas holidays?

26_ Per dieci minutiThe music continues to do its duty and composes a perfect soundtrack to cover the thoughts. Or at least it tries to do so.

Did I buy…

View original post 635 altre parole

Libri & Altri Rimedi

“Seicento Secondi”

Il tempo.
Che è qualcosa di pochissimo, se siamo felici.
E’ qualcosa di tantissimo, se siamo disperati.
Comunque sta lì.
Con una lunga, estenuante, miracolosa serie di 10 minuti a disposizione

Thr0ugh The Mirr0r

26_ Per dieci minuti Tralie Graphic

Leggiamo per noia per curiosità per scappare dalla vita che facciamo, per guardarla in faccia, per sapere, per dimenticare, per addomesticare i mostri fra la testa e il cuore, per liberarli. Non ci somigliamo per niente anche se ci teniamo per mano, amiamo, detestiamo, e se per Natale regaleremo a chi ci è più caro, lo stesso libro.
Non ci somigliamo per niente.
Fatalmente, è proprio per questo che, sì: non c’è dubbio.
Esistiamo.[1]

La pioggia cade lenta, quasi annoiata di doverlo fare, sul vetro della finestra dalla quale si vedono a tratti e sfocate le vite degli altri.
Sarà per dovere o piacere che il vicino sta portando fuori il cane nonostante il gelo polare? È perché ama il suo animale domestico al punto di beccarsi una polmonite? O perché la sua casa gli sta stretta e magari ha necessità di scappare via, almeno un po’…

View original post 740 altre parole