“Braggot, Rain and Magic”

I would love writing a huge, fabulous, musical about Avalon. As big as Broadway production, but for now, I need to stay grounded and withmy eyes on the books.
The version of Marion Zimmer Bradley, “The Mists of Avalon”, is, at the moment, the one I prefer, because it revises the legends of the Arthurian Cycle from a womanly point of view.

Thr0ugh The Mirr0r

The first Fall’s rain after the Summer is like a shattered mirror, reflecting every little emotion, from the relief of the first fresh air to melancholy for the sunny days we leave behind. From the horror of the shrinking hours, to the comfort of a season full of prospects.

It is the season of grapes, pumpkins, and more intense colours.

And good books.

Actually, every season is right for good books, but you will agree with me that the rain and the first breezy is the ideal type of weather for a genre in particular: fantasy, with its magical atmospheres, supernatural beings, overwhelming mysteries.

Fantasy is the broader and more variegated literary genre, I guess, there are so many sub-categories to spin your head, but there are some hotspots that you can not neglect: the hero, the villain (very often one confused with the other), and magic!

There are so…

View original post 1.094 altre parole

“Braggot, Pioggia & Magia”

L’ideale per leggere questo romanzo sarebbe andare a Glastonbury, una piccola città nel Somerset (Inghilterra) dove la leggenda vuole che ci siano le mitologiche tombe di Ginevra e del suo inseparabile Re Artù! E che sotto le pendici della Collina si nasconda l’ingresso per la magica Avalon, o che proprio la collina stessa sia il luogo mistico in questione, dato che in passato era circondata dall’acqua, come un’isola.

Thr0ugh The Mirr0r

La prima pioggia autunnale dopo l’estate è come uno specchio in frantumi, riflette ogni più piccola emozione, dal sollievo del primo fresco alla malinconia per le giornate assolate che ci lasciamo alle spalle. Dal terrore delle ore che si accorciano, al conforto per una stagione ricca di prospettive.

eashstregn-2 È la stagione dell’uva, delle zucche, dei colori più intensi.

E dei bei libri.

In realtà ogni stagione è giusta per dei bei libri, ma sarete d’accordo con me che la pioggia e il primo fresco è il clima ideale per un genere in particolare: il fantasy, con le sue atmosfere magiche, gli esseri sovrannaturali, i misteri ineffabili.

Il fantasy è forse il genere letterario più ampio e variegato, ci sono talmente tante sotto categorie[1] da far girare la testa, però ci sono dei punti cardine che non possono proprio mancare: l’eroe, il villain (molto spesso confusi uno…

View original post 840 altre parole

“Braggot, Rain and Magic”

The first Fall’s rain after the Summer is like a shattered mirror, reflecting every little emotion, from the relief of the first fresh air to melancholy for the sunny days we leave behind. From the horror of the shrinking hours, to the comfort of a season full of prospects. It is the season of grapes, … Continua a leggere “Braggot, Rain and Magic”