I Classici: “Se questo è un uomo”

Voi che vivete sicuri Nelle vostre tiepide case, voi che trovate tornando a sera Il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo è un uomo Che lavora nel fango Che non conosce pace Che lotta per un pezzo di pane Che muore per un sì o per un no. Considerate se questa è una … Continua a leggere I Classici: “Se questo è un uomo”

“Cavour è morto!”

Nella mia classe al liceo, le interrogazioni di storia e filosofia erano viste come una specie di battaglia navale, in cui però inesorabilmente noi studenti eravamo destinati a perdere la nostra bella flotta. Non solo di storia in realtà, una volta una mia compagna all’interrogazione di biologia alla domanda “come batte il cuore?” rispose “bum-bum”. … Continua a leggere “Cavour è morto!”

“Cucinare ai tempi di Masterchef”

Per anni ho osservato mia nonna e mia madre cucinare, tra l’altro forse sono l’unica al mondo con una madre che cucina anche meglio della nonna. Dicevo, le ho osservate nelle occasioni più disparate, dai pranzi della settimana in Estate, a quelli della domenica. Cene di Natale e compleanni vari. Onomastici (che al sud sono … Continua a leggere “Cucinare ai tempi di Masterchef”

“Sofia: la ragazza asimmetrica”

«Sofia», disse l’infermiera a voce alta, «lo sai che cos'è la nascita? È una nave che parte per la guerra».[1]   Nella libreria dove lavoro, da un po’ di tempo viene uno scrittore a farci conoscere nuovi autori attraverso tre delle loro opere. Non sempre sceglie le più conosciute, anzi a dire il vero non … Continua a leggere “Sofia: la ragazza asimmetrica”

“Tutte le VIE portano a Roma, le PIAZZE no”

  Sono i primi giorni di settembre, l’estate è quasi giunta al termine e così anche il mio lavoro di animatore per bambini in un centro estivo. Dopo mesi di caldo devastante, incendi, siccità ed altre piaghe d’Egitto che solo Roma d’estate sa regalare, finalmente arriva la pioggia… e decide di farlo quando il centro … Continua a leggere “Tutte le VIE portano a Roma, le PIAZZE no”

“Vietato dimenticare!”

I viaggi in treno sono per me il momento perfetto per abbandonarmi completamente alla lettura, il cullare monotono della locomotiva, il cicaleggio di voci sconosciute nei corridoi stretti, sono il sottofondo perfetto per immergersi in un’avventura letteraria. Se poi i rumori sono troppo forti e fastidiosi, come ultimamente succede, con telefonate inopportune o liti ancora … Continua a leggere “Vietato dimenticare!”

“I ‘Pomodori Verdi Fritti’ della Nonna”

**         Quando i nonni erano ancora in buona salute, io, mio fratello e i miei genitori almeno un fine settimana al mese ci imbarcavamo in autostrada per andarli a trovare. Ogni volta l’accoglienza era quella che immagino sia riservata ai reali, un banchetto con tanto di quel cibo da sfamare l’esercito … Continua a leggere “I ‘Pomodori Verdi Fritti’ della Nonna”

“Il Primo Amore non si scorda mai… (si ma qual è?)” – parte I

  Oggi ho rivisto Cappellino Viola – lo so, che nome osceno! Ma la prima volta che ho incrociato i suoi occhi verdi indossava questo stupido orrendo cappellino viola e non sapendo nome, classe, età… si è beccato questo soprannome. Non lo vedevo da così tanti anni che per un attimo non l’ho riconosciuto. Era … Continua a leggere “Il Primo Amore non si scorda mai… (si ma qual è?)” – parte I

“Grazia, Graziella & grazie al…”

Dicembre. Mese di bilanci e preoccupazioni. Di vecchie e nuove ansie. Di buoni propositi, di dolci, di regali e di profumi speziati. E di pulizie. È giunta l’ora, non posso più rimandare, mi si stanno accumulando scatole di “poi lo metto a posto” che tra poco ne verrò sommersa e diventerò una protagonista di “sepolti … Continua a leggere “Grazia, Graziella & grazie al…”