Books and Other Pleasures

“The World Emerged from FANTASY”

It is a captivating trilogy capable of involving at any age, in a different way. We became so enthusiastic and attached to Troisi’s way of writing that we subsequently also read “Legends” and “Wars” always linked to the Emerged World, with equally strong and intelligent protagonists. And with plots that are not at all obvious, and above all a happy ending not always achieved.

Thr0ugh The Mirr0r

August 2005, I just finished high school, what will it be like to give a gift ???
It’s my brother’s birthday again, how could this happen? Oh yes that’s right, it’s an anniversary, or a recurrence that falls every year, and every time I don’t know what to give him.
No, not right now. To date I have an endless list of gifts that I know for sure he will like him, but that fatal year my brother was in the height of adolescence, that is, that period in which “everything sucks, you all suck, that’s disgust”, so understand what could make him “a little less disgusting” was not easy …

Books.

I have no other choice. Although home libraries are about to burst it is really the only thing with which I have an attempt not to see the expression of someone who has just eaten a rotten lemon…

View original post 567 altre parole

Libri & Altri Rimedi

“Il Mondo Emerso dalla Fantasia”

So che ci sono due fazioni contrastanti, chi ritiene che lo stile della Troisi sia troppo “leggero” e chi la adora. Ai posteri l’ardua sentenza, quello che vorrei sottolineare è che il fantasy non è un sottogenere, e anche se lo fosse, ha il grande pregio di trasportarci via per un po’, ci trasforma in eroi, non vale forse la pena di rischiare e aprire il libro per vivere tutto questo?

Thr0ugh The Mirr0r

Agosto 2005, ho appena finito la maturità superata alla grande, cosa sarà mai fare un regalo???
E’ di nuovo il compleanno di mio fratello, come è potuto succedere? Ah sì giusto, è un anniversario, ovvero una ricorrenza che ricade ogni anno, e ogni volta io non so cosa regalargli.
No, non adesso. Ad oggi ho una lista infinita di regali che so per certo possano piacergli, ma quell’anno funesto mio fratello era nel pieno dell’adolescenza, cioè quel periodo in cui “fa tutto schifo, fate tutti schifo, che schifo”, perciò capire cosa potesse fargli “un po’ meno schifo” non era facile…

“La paura è un’amica pericolosa: devi imparare a controllarla, ad ascoltare quello che ti dice. Se ci riesci ti aiuterà a fare bene il tuo dovere. Se lasci che sia lei a dominarti, ti porterà alla fossa.”[1]

Libri.
Non ho altra scelta. Nonostante le librerie di casa stiano per scoppiare…

View original post 707 altre parole

Books and Other Pleasures

“Year of the Lord 1553_ Three Women, One Destiny”

Wish lists should be mandatory, especially for those with complicated tastes.
In my 2007 wish list there was “The Queen’s fool”, written by Philippa Gregory.

Thr0ugh The Mirr0r

In Rome the name-days are not very popular, except for the major saints; but having both parents from the South of Italy, this anniversary was celebrated for years. Now, I have always been convinced that my mother created the date so as not to make me feel different from my cousins, with their traditional names well imprinted on the calendar, while I, Gioia, never had my Saint. Not that I ever cared, but considering that it is an extra gift during the year … why not?

“I have seen sights and travelled in countries you cannot imagine. I have been afraid and I have been in danger, and I have never for one moment thought that I would throw myself at at a man for his help.”
Philippa Gregory,The Queen’s Fool

The presumed date is March 13, Saint Euphrasia (which seems to mean joy in some languages).
Technically…

View original post 831 altre parole

Books and Other Pleasures

“A Long Summer with « My Brilliant Friend» “

Summer is still far away, although the first days of intense heat are coming – even if go together with three or four days of rain and cold. – But, by booking now, perhaps, a trip to the Sorrento’s coast will not cost you a fortune.

There is something magical in the scent of lemons at sunset.

Thr0ugh The Mirr0r

Have you ever been to Sorrento in July? with the scent of lemon that spreads everywhere, it mixes with the sea, with fish, with the fried food of street vendors, with freshly baked biscuits.

Have you ever been on one of the wonderful terraces looking at the Golfo, sipping limoncello * and enjoying mozzarella in carrozza[1] or other specialties?

No?

What are you waiting for?

Life is one and some whim must be satisfied!

Summer is still far away, although the first days of intense heat are coming – even if go together with three or four days of rain and cold. – But, by booking now, perhaps, a trip to the Sorrento’s coast will not cost you a fortune.

There is something magical in the scent of lemons at sunset.

Or maybe it’s simply the idea of a holiday, of relaxation, which I don’t see on the horizon…

View original post 849 altre parole

Un tuffo nel Classico

I Classici: “Il Signore degli Anelli”

Eccomi qui, sto per farlo, sto per leggere (e di conseguenza poi guardare) la SAGA DELLE SAGHE, fatemi un grande in bocca al lupo xD

Thr0ugh The Mirr0r

anelliMano sul cuore. Come quando sento l’inno nazionale. È così che reagisco istintivamente quando mi parlano del Signore degli Anelli.

Mi basta sentirla nominare ed ecco che sono lì, nella Terra di Mezzo. Non (solo) quella di Peter Jackson, ma quella “vera”, quel luogo interamente formato dall’immaginazione, pieno di miti, eroi ed epica. Un luogo al quale tornare ogni tanto per evadere da un mondo meccanizzato e vivere avventure straordinarie, anche quando ci si sente piccoli, come degli Hobbit.

Come molti fan della mia età, la mia prima visita alla Terra di Mezzo è stata a distanza, attraverso la lente del cinema, o ad essere precisi di uno dei primissimi schermi giganti a cristalli liquidi messi sul mercato.

Era il 2001, avevo dieci anni e mi annoiavo a morte in un negozio di elettronica, al seguito dei miei genitori; mentre girovagavo tra i nuovissimi lettori dvd, che si apprestavano a…

View original post 763 altre parole

Books and Other Pleasures

“It is forbidden to drink cappuccino after 2 pm”

Needless to say, you have to read them sitting at the bar after having ordered something absurd that makes the barrista’s mouth twist (with two r’s, as Massimo wants – even if in Italian he says “it spells barista[4]” with only one r), even if I don’t know how they were able to translate the harshly Tuscan in any other language; anyway, read it with an eye on the book and an ear on the gossip: you never know you might also come across some crime….

Thr0ugh The Mirr0r

There is a summer time when you can’t stay outside. Whether you love the sea or the mountains, the sun, to say it in the Roman style, “’ ncoccia[1] ”and willy-nilly you’ll need to be sheltered from it. Whether you suffer from the heat or love it, that time of the day is infamous for everyone.

I mean, even the newscasts mention it …

grhowivThat time between two and four in the afternoon: it is insufferable. It’s nap time for old people, children and timewasters.

The hour when there’s nothing on TV.
Of boredom.
And it is the time when Massimo Viviani would never ever make a cappuccino for you.
And that’s good!

Because cappuccino is a drink that goes well with breakfast with a croissant or a cake, but certainly not with a snack, pizzas or sandwiches, as tourists would like!!

tumblr_ni7pckcpij1tq4of6o1_500Massimo is a former mathematician, divorced, who…

View original post 248 altre parole

A Dip in the Classics

Classics: “Harry Potter”

Always.

I think I’ll ever get tired of this saga. To re-read it and rediscover it. To get passionate, cry, laugh, get angry with these magnificent characters.

Thr0ugh The Mirr0r

<<Mr and Mrs Dursley, of number four, Privet Drive, were proud to say that they were perfectly normal, thank you very much. They were the last people you’d expect to be involved in anything strange or mysterious, because they just didn’t hold with such nonsense.
Mr. Dursley was the director of a firm called Grunnings, which made drills. He was a big, beefy man with hardly any neck, although he did have a very large moustache. Mrs. Dursleywas thin and blonde and had nearly twice the usual amount of neck, which came in very useful as she spent so much of her time craning over garden fences, spying on the neighbours. The Dursleys had a small son called Dudley and in their opinion there was no finer boy anywhere>>[1]

1920206_599433526802767_1334360920_n Katerina Graphics


I could write a treatise on this story because nothing before or after has moved me so deeply! 7 books (translated into 77…

View original post 1.386 altre parole

Un tuffo nel Classico

I Classici: “Harry Potter”

Always.

Non penso mi stancherò mai di questa saga. Di rileggerla e riscoprirla. Di appassionarmi, piangere, ridere, arrabbiarmi con questi magnifici personaggi.

Sarà sempre il mio grande amore letterario.

Thr0ugh The Mirr0r

<< Il signore e la signora Dursley, di Privet Drive numero 4, erano orgogliosi di poter affermare che erano perfettamente normali, e grazie tante. Erano le ultime persone al mondo da cui aspettarsi che avessero a che fare con cose strane o misteriose, perché sciocchezze del genere proprio non le approvavano.>>[1]

 

1920206_599433526802767_1334360920_nKaterina Graphics

Potrei scrivere un trattato su questa storia, perché niente prima né dopo mi ha emozionato così profondamente!
7 libri (tradotti in 77 lingue + altri 4 di contorno), 8 film, un fandom che va oltre i confini terracquei e milioni, ma che dico, miliardi, di curiosità e spin off[2], e ancora non si spegne la fiamma dell’interesse.

 

harry-potter  Graphic by: Federica

Corvonero:  I membri di questa casa sono caratterizzati dal loro ingegno. Sono molto eccentrici e risultano alle volte incompresi, ma sono comunque in grado di stringere molte amicizie. Le caratteristiche che contraddistinguono…

View original post 2.037 altre parole

Libri & Altri Rimedi

“L’Altra Alice”

Tutti noi, prima o poi nella vita, ci siamo ritrovati subordinati a qualcuno pur di riuscire nelle nostre ambizioni, Alice è tutti noi, e noi non possiamo che tifare per lei!

Un po’ Bridget Jones un po’ Kay Scarpetta senza però mai copiare, semplicemente mi è sembrato che le omaggi e ne faccia un mix perfetto per un lettore moderno che ha voglia di evadere un po’ senza dover rinunciare a quel tocco di mistero a tinte gialle.

Thr0ugh The Mirr0r

La definizione di un libro “pesante” o “leggero” mi fa sempre venire in mente l’immagine di un grosso tomo scritto su carta 90 gr/m2 o, viceversa, su fogli di carta velina.

britta-bored-reading
So benissimo che invece ci si riferisce alla trama, e anche io lo uso come termine a volte, ma continua a venirmi in mente questa caricatura.

Perché cos’è che fa di una storia un libro “pesante” o “leggero”? di certo non la lunghezza, né il numero degli intrighi, forse il tipo di narrazione?

Per me, è la soggettività.

Non nego che ci siano dei libri oggettivamente più difficili, scritti in linguaggio aulico, molto arzigogolati, ma credo che se ci si appassiona anche quelli diventano improvvisamente leggeri.

Non sto divagando, è che il libro che vorrei consigliare è stato definito dalla critica “leggero” e “frizzante”, ma non vorrei che questo lo sminuisse.

giphy4Fatto sta che io l’ho raccomandato a chiunque…

View original post 658 altre parole

Libri & Altri Rimedi

“Ricciardi: Malinconica Nostalgia”

e direi che con questa pioggia battente che non accenna a smettere…. inverno o no, una bella rilettura ci sta!

Thr0ugh The Mirr0r

<<L’odio è pur sempre un’emozione dal colore carico, non come l’affetto, che è dipinto con gli acquerelli.>>[1]

largeLuigi Alfredo Ricciardi,figlio del barone Ricciardi di Malomonte e della signora Marta, nasce nel 1900 in un paesino del Cilento. I genitori muoiono entrambi molto presto e il bambino rimane affidato esclusivamente alle amorevoli cure di tata Rosa, potendo contare finanziariamente sulle rendite del fondo di famiglia.
All’università opta per Giurisprudenza, terminata la quale entra nella Regia Questura di Napoli. Divenuto un giovane commissario, abita in via Santa Teresa dove continua ad essere accudito da Rosa.
Fin da bambino Luigi si rende conto di essere diverso, lui infatti ha un potere speciale, che non riesce a definire né DonoMaledizione e che chiamaIl Fatto.

<<Li vedo sul posto dov’è successo, per un tempo variabile, dieci giorni, un mese, anche due: vanno sbiadendo come un ricordo, allontanandosi un poco alla volta da…

View original post 779 altre parole