Books and Other Pleasures

“To write is a dangerous job”

When the winter storm subsided at 4 in the morning, I was only a few pages away from the conclusion. <> I wondered. I remember collapsing with the book in my hands, having had troubled dreams and that when I woke-up I had decided never to read such books again.

I finished it the next night, and didn’t keep my promise, I read about it, thriller, noir, horror; but still today Anne Walkes remains one of the most chilling women who come to visit my nights from time to time.

Thr0ugh The Mirr0r

It’s Winter, full night, the sky has decided to come down in buckets while lightning and thunder are breaking down. A sudden drop in current almost makes me scream, I can barely keep from running into my parents’ bed as I did as a child. But it is certainly not the storm that terrifies me, it is the book that I am reading in one breath in the weak light of the lightshade in the grandparents’ house that creaks and rasps and already makes me anxious. I started the book a few hours earlier, but I can’t get away from it, despite the cold, the sleep, the anguish that is rising up page after page.

I had already read Stephen King’s novels, but usually given the eternal description of every detail, even the most useless, I never found myself anxious  Not even when I read IT, except in a couple…

View original post 1.279 altre parole

Libri & Altri Rimedi

“Scrivere è un mestiere pericoloso!”

Ma, sarà che la persiana sbatte contro il vetro, i lampi illuminano quasi a giorno la stanza, le ombre disegnano sul muro scene di terrore, a me “Misery[1]” sta facendo morire di angoscia!!!
Riga dopo riga, mi sento sempre più dentro la storia, gemo, mi contorco, chiudo gli occhi e poi torno a leggere avidamente; sono tentata di interrompere ma ho paura degli incubi che potrei portarmi nel sonno.
E se sognassi Anne Wilkes[2] e tutte le torture che sta infliggendo al povero Paul Sheldon?
La trama non è poi così surreale come “The Dome”, “L’acchiappasogni” o “Carrie”. Niente alieni, bambole assassine o fenomeni sovrannaturali a mitigare le nostre ansie e consolarci con la chiara prospettiva del <>. No, qui i personaggi sono reali come noi! Veri, realistici. Niente magie vodoo, niente di extraterrestre.
Una fan psicopatica e uno scrittore stanco.

Thr0ugh The Mirr0r

È Inverno, piena notte, il cielo ha deciso di venire giù a secchiate mentre si scatenano fulmini e tuoni. Un improvviso calo di corrente mi fa quasi urlare, mi trattengo a stento dal correre nel lettone dei miei come facevo da bambina. Ma non è certo il temporale a terrorizzarmi, è il libro che sto leggendo tutto d’un fiato alla debole luce dell’abat-jour nella casa dei nonni che scricchiola e cigola e già di suo mette ansia. Il libro l’ho iniziato poche ore prima, ma non riesco a staccarmene, nonostante il freddo, il sonno, l’angoscia che pagina dopo pagina mi sta salendo.

Avevo già letto romanzi di Stephen King, ma solitamente data l’eterna descrizione di ogni dettaglio, anche il più inutile, l’ansia non mi era mai salita. Nemmeno con IT, se non in un paio di scene. Il pregio di King è anche il suo difetto a…

View original post 1.192 altre parole

Tv Series Rehab

“Barbie, Big Jim e l’invasione aliena”

*Insalata di quinoa, zucchine, salmone e pesto (la ricetta è della mia mamma, Mena) Ingredienti per 2 persone:  -102 gr. di quinoa  -1 zucchina  -100 gr. di salmone affumicato -1cucchiaio di pesto  -burro  -sale  -pepe      Preparazione: Mettiamo la quinoa in un colino e laviamola bene sotto acqua corrente. Poi la lessiamo in acqua salata, e la scoliamo con… Continua a leggere “Barbie, Big Jim e l’invasione aliena”

Tv Series Rehab

“22.11.63: Salvate il Presidente Kennedy… (o no?)”

Abrams e King[1], appena ho letto questi due nomi accoppiati mi sono convinta. Non ho nemmeno guardato il trailer, ma sono andata a curiosare in giro per la trama e l’ho trovata assolutamente geniale: Kennedy è stato e rimarrà uno dei Presidenti più amati degli States, ma se lo fosse proprio per la scomparsa prematura?… Continua a leggere “22.11.63: Salvate il Presidente Kennedy… (o no?)”

Libri & Altri Rimedi

“Scrivere è un mestiere pericoloso!”

  È Inverno, piena notte, il cielo ha deciso di venire giù a secchiate mentre si scatenano fulmini e tuoni. Un improvviso calo di corrente mi fa quasi urlare, mi trattengo a stento dal correre nel lettone dei miei come facevo da bambina. Ma non è certo il temporale a terrorizzarmi, è il libro che… Continua a leggere “Scrivere è un mestiere pericoloso!”